patrocinio comune

 

 


cosmave centro servizi

 

The Latest

Il Tirreno

Il Comune punta a portare la scadenza alla fine di marzo e non più al 28 febbraio
L'opposizione: «Ma non basta, serve più tempo: c'è il rischio di nuovi ricorsi»

Il Tirreno

Il Comune vince il primo round nel ricorso intentato da Firenze
Il sindaco Giannetti: «Le aziende possono continuare a lavorare»

 Il Tirreno

Si chiama Piano attività bacini estrattivi, per gli addetti ai lavori sintetizzato in Pabe. È lo strumento con il quale viene stabilito, per ogni bacino e per ogni cava quantità di marmo che può essere estratta, inferiore a quella attuale, le altitudini al di sopra delle quali non sarà possibile effettuare attività di estrazione, come devono essere trattati e collocati gli scarti, come ripulire i vecchi ravaneti che - come in tutti i territori di attività marmiferi sono oggi un danno ambientale se lasciati in totale abbandono - e, infine, dove si potrà e si dovrà scavare in galleria. La normativa ha validità per un periodo lungo dieci anni. Il Pabe è stato approvato dal consiglio comunale di Fivizzano nella seduta dello scorso 12 luglio. A fine ottobre, però, la Regione Toscana lo ha impugnato al Tar.

La Nazione

pietrasanta

Alla fine Alvaro Pesetti ha alzato bandiera bianca e si è ripreso le due borchie che aveva donato tre mesi fa al Comune. Il noto artigiano pietrasantino ha preso questa decisione dopo la levata di scudi contro la sua proposta di apporre le borchie sulla fontana di piazza Carducci. Ad opporsi a questa ipotesi erano stati prima gli eredi di Gaetano Bichi, lo scultore che realizzò la fontana, inaugurata nel 1866 e restaurata di recente, e poi il circolo culturale “Fratelli Rosselli“, concorde sul fatto di non alterare il suo aspetto originale.

La Nazione

Divieto di accesso e limite dei 5 km/h installati lungo la strada che porta al sito L’assessore Forti: «L’area archeologica è aperta. Ho dato ordine di rimuoverli»
di Claudio Laudanna CARRARA Tre mesi appena sono passati dall’ultima inaugurazione di Fossacava e il sito si scopre già inaccessibile. Con un po’ di stupore operatori turistici e frequentatori dell’area archeologica che si trova lungo la strada che sale verso Colonnata in questi giorni hanno trovato un cartello di divieto di transito all’inizio della via di accesso al sito. Una scelta apparentemente immotivata per un luogo su cui la stessa amministrazione giusto lo scorso ottobre aveva fatto sapere di voler scommettere con forza. «Al momento – ammette ora lo stesso assessore alla Cultura Federica Forti – non è chiaro chi abbia messo quel cartello all’inizio della strada. Di certo posso però assicurare che ho già dato mandato agli uffici di attivarsi perché venga rimosso al più presto.

La Nazione

Divieto di accesso e limite dei 5 km/h installati lungo la strada che porta al sito L’assessore Forti: «L’area archeologica è aperta. Ho dato ordine di rimuoverli»
di Claudio Laudanna CARRARA Tre mesi appena sono passati dall’ultima inaugurazione di Fossacava e il sito si scopre già inaccessibile. Con un po’ di stupore operatori turistici e frequentatori dell’area archeologica che si trova lungo la strada che sale verso Colonnata in questi giorni hanno trovato un cartello di divieto di transito all’inizio della via di accesso al sito. Una scelta apparentemente immotivata per un luogo su cui la stessa amministrazione giusto lo scorso ottobre aveva fatto sapere di voler scommettere con forza. «Al momento – ammette ora lo stesso assessore alla Cultura Federica Forti – non è chiaro chi abbia messo quel cartello all’inizio della strada. Di certo posso però assicurare che ho già dato mandato agli uffici di attivarsi perché venga rimosso al più presto. Fossacava, d’altronde, è regolarmente aperto e accessibile a tutti.

Pagina 7 di 1440

La foto notizia

Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti
Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti

Domenica 22 settembre terzo appuntamento della stagione con il ciclo “Dal virtuale al reale”. La visita guidata prevede una prima sosta al MuSA per poi proseguire al Museo dei Bozzetti. Al MuSA visita alla Collezione “Capitani Coraggiosi”, una selezione di opere in gesso provenienti dal Comune di Pietrasanta e concesse in prestito. La selezione fa parte del progetto “Il museo diffuso”, con il quale il Comune, ricercando contenitori sul territorio che ospitino piccole sezioni del museo con bozzetti a tema con il luogo, rende fruibile la sua imponente collezione. Proiezione del documentario in multiproiezione “La voce del marmo“, il film documentario che ripercorre la storia dell’estrazione del marmo nell’area Apuo-versiliese, da Michelangelo fino ai giorni nostri. A seguire, dopo una breve passeggiata visita al Museo dei Bozzetti, un’istituzione unica nel suo genere, nata nel 1984 con l’intento di documentare l’attività degli artisti. Ubicato in un contesto storico-religioso di prestigio, l’istituto raccoglie e ospita 700 bozzetti di sculture di oltre 350 artisti che hanno scelto i laboratori di Pietrasanta e della Versilia per realizzare le proprie opere. Una passeggiata tra viaggio tra le creazioni della scultura contemporanea di tutto il mondo, un percorso alla scoperta del prezioso lavoro degli artigiani. www.museodeibozzetti.it La visita guidata avrà inizio al MuSA in Via Sant’Agostino 61 (angolo Via Garibaldi) alle 17.00, proseguirà al Museo dei Bozzetti in Via Sant’Agostino 1 alle 18.00 e terminerà intorno le 18.45. L’ingresso è gratuito, è gradita la prenotazione PRENOTA QUI DAL VIRTUALE AL REALE | Dal MuSA al Museo dei Bozzetti I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Visita "virtuale" al MuSA e a seguire visita "reale" al Museo dei Bozzetti Domenica 22 settembre - dalle 17.00 alle 19.00

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree