patrocinio comune

 

 


cosmave centro servizi

 

The Latest

La Nazione

 

Il consigliere apuano fa richiesta al consiglio regionale di «attivarsi per tutelare il lavoro degli artigiani di Carrara e il tessuto produttivo»
CARRARA Diventa un caso politico il divieto imposto dal tribunale di Firenze di usare l’immagine del David di Michelangelo. Il tribunale in sostanza ha accolto gli indirizzi del Mibac (Ministero per i beni e le attività culturali), e inibito un’azienda apuana, gli Studi d’arte Michelangelo, ad utilizzare il David per fini commerciali dell’immagine in qualsiasi forma, anche informatica. Dalla parte dell’artigianato carrarese si schiera Giacomo Bugliani, consigliere regionale del Pd e presidente della commissione affari istituzionali. E lo ha fatto presentando in Regione una mozione a tutela del settore: «Le opere dell’ingegno contemporaneo devono essere tutelate – scrive – la Regione intervenga a difesa del settore. Il mondo dell’artigianato artistico rappresenta in Toscana un settore largamente diffuso. Tra professionisti e botteghe scuola si contano ventimila imprese per circa centomila addetti». «La nostra provincia – prosegue – si contraddistingue per l’escavazione e la lavorazione del marmo estratto dalle cave delle alpi Apuane, con cui da molti secoli sono realizzate alcune delle più importanti opere architettoniche e scultoree del mondo.

La Nazione


Due giorni per studiare le Apuane, conoscerle da vicino, ammirare il loro fascino, le ricchezze naturali che preservano e toccare con mano la grande devastazione ambientale che le sta sbriciolando anno dopo anno prodotta dall’attività estrattiva. Due giorni che serviranno a delineare e proporre modelli alternativi di crescita e sviluppo che mettano le cave in secondo piano. Sono gli obiettivi dell’iniziativa in programma oggi e domani a Carrara dove arrivano i vertici del Club alpino italiano per un Comitato direttivo centrale che vuole testimoniare l’attenzione per l’impatto ambientale, della presenza dell’uomo, sulle montagne.

La Nazione


Rassicurazioni momentanee per le aziende apuane arrivano dalla sindaca «Notizie positive dalla Regione: stiamo cercando soluzioni per il lungo periodo»
di Daniele Rosi CARRARA Continua il dialogo tra la Regione e l’amministrazione comunale sui problemi di smaltimento della marmettola. Nelle scorse ore un confronto tra Serena Arrighi e gli assessori all’ambiente Monia Monni e alle attività produttive e Economia, Leonardo Marras, aveva portato ad ulteriori riflessioni circa la necessità di intervenire per rendere la marmettola utilizzabile, trasformandola da scarto a risorsa grazie a vari brevetti già in fase di elaborazione. Tutto nel nome della transizione ecologica e di un problema, quello dello smaltimento della marmettola, che al momento è di competenza della Venator di Scarlino; azienda grossetana che opera alla discarica di Montioni.

«Camion carichi di marmo in mezzo ai bimbi»

La Naziuone


Proteste per i pericoli legati al passaggio dei mezzi pesanti in via Marina ad Avenza, davanti a scuole elementari e asilo
CARRARA Camion del marmo che passano in mezzo alle scolaresche nel primo giorno di scuola e genitori preoccupati. È successo ieri mattina in via Marina ad Avenza dove ci sono la materna Finelli, il distaccamento del tempo pieno della Rodari e la scuola per l’infanzia Finelli, due elementari e un asilo. Proprio davanti alla scuola il parco giochi comunale e la biblioteca civica, oltre a molte abitazioni e negozi. I camion sono passati senza carico al suono della prima campanella alle 9, e carichi di blocchi di marmo all’uscita delle 12,30. Non essendoci più le entrate e le uscite scaglionate imposte dalla pandemia, in strada c’erano numerose auto e il piazzale antistante la “Finelli” era gremito di genitori e bambini che, ignari del pericolo, si sono messi a scorazzare felici.

«Cave: da risorsa a disastro ambientale»

La Nazione


Il gotha del Cai si riunisce al rifugio Carrara a Campocecina per discutere di temi economici e per un’escavazione più sostenibile
CARRARATestimoniare l’attenzione per l’impatto ambientale e la presenza dell’uomo sulle terre alte e sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema. È con questi obiettivi che nella giornata di sabato, al Rifugio Carrara di Campocecina, si riuniranno i vertici del Club Alpino Italiano. Il dilemma fra preservazione e sfruttamento delle Alpi Apuane, simbolizzato dalle cave, il tema al centro dell’incontro del Comitato direttivo centrale delle 8,30 e della Conferenza dei presidenti regionali e provinciali delle 13,30. Tema da sempre caro al sodalizio, che ha voluto confermare la vicinanza al Cai Carrara e alle associazioni anche con l’escursione di domenica 18 – il cui itinerario parte dal rifugio Carrara e raggiunge le cave del Sagro attraverso i prati di Campocecina e Capanna Martignoni – durante la quale la presidente del Cai Carrara, Brunella Bologna, e i soci della Sezione racconteranno ai partecipanti, al presidente generale del Cai, Alberto Montani, e alla vicepresidente, Laura Colombo, le problematiche del territorio, definito dal Cai «un meraviglioso scrigno di bellezza e biodiversità, interessato però dall’estrazione del marmo e del carbonato di calcio». «Le Alpi Apuane – spiega il presidente Montani – sono il luogo in cui il contrasto tra natura e antropizzazione emerge in maniera netta, ma può diventare anche il territorio in cui trovare nuove strade e percorsi di coesistenza tra attività dell’uomo e preservazione della biodiversità.

La Nazione


Un’escursione domenica che dal rifugio Carrara, si snoda lungo i prati di Campocecina e arriva fino a Capanna Martignoni, da cui i delegati Cai potranno osservare gli impianti di estrazione dall’alto. I camminatori saranno accompagnati dal presidente del Cai Carrara Brunella Bologna e dai soci della sezione, che racconteranno il territorio e le sue problematiche.

Pagina 5 di 1558

La foto notizia

Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti
Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti

Domenica 22 settembre terzo appuntamento della stagione con il ciclo “Dal virtuale al reale”. La visita guidata prevede una prima sosta al MuSA per poi proseguire al Museo dei Bozzetti. Al MuSA visita alla Collezione “Capitani Coraggiosi”, una selezione di opere in gesso provenienti dal Comune di Pietrasanta e concesse in prestito. La selezione fa parte del progetto “Il museo diffuso”, con il quale il Comune, ricercando contenitori sul territorio che ospitino piccole sezioni del museo con bozzetti a tema con il luogo, rende fruibile la sua imponente collezione. Proiezione del documentario in multiproiezione “La voce del marmo“, il film documentario che ripercorre la storia dell’estrazione del marmo nell’area Apuo-versiliese, da Michelangelo fino ai giorni nostri. A seguire, dopo una breve passeggiata visita al Museo dei Bozzetti, un’istituzione unica nel suo genere, nata nel 1984 con l’intento di documentare l’attività degli artisti. Ubicato in un contesto storico-religioso di prestigio, l’istituto raccoglie e ospita 700 bozzetti di sculture di oltre 350 artisti che hanno scelto i laboratori di Pietrasanta e della Versilia per realizzare le proprie opere. Una passeggiata tra viaggio tra le creazioni della scultura contemporanea di tutto il mondo, un percorso alla scoperta del prezioso lavoro degli artigiani. www.museodeibozzetti.it La visita guidata avrà inizio al MuSA in Via Sant’Agostino 61 (angolo Via Garibaldi) alle 17.00, proseguirà al Museo dei Bozzetti in Via Sant’Agostino 1 alle 18.00 e terminerà intorno le 18.45. L’ingresso è gratuito, è gradita la prenotazione PRENOTA QUI DAL VIRTUALE AL REALE | Dal MuSA al Museo dei Bozzetti I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Visita "virtuale" al MuSA e a seguire visita "reale" al Museo dei Bozzetti Domenica 22 settembre - dalle 17.00 alle 19.00

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree