patrocinio comune

0

"Sul mercato enormi quantità di lastre sintetiche. Ma quelle naturali sono superiori"

Marzo 22nd, 2019
Alla Kitchen&Bath Industry Show" di Las Vegas, la più importante ...
0

Cosmave incontra le scuole

Marzo 21st, 2019
Cosmave ha organizzato per Sabato 23 Marzo e Martedì 2 Aprile, in ...


cosmave centro servizi

 

The Latest


Si discute in consiglio comunale sulla proposta della Regione De Pasquale: «Non si può partire dal presupposto che le terre siano come i rifiuti»
Durante il consiglio comunale del 13 marzo è stata affrontata la proposta di Piano Regionale Cave adottata nelle scorse settimane dalla Giunta Regionale. Che il Comune di Carrara ha scelto di non siglare. Secondo il sindaco Francesco De Pasquale, i tecnici della Regione considererebbero le terre alla stregua di rifiuti.Piazza 2 giugno non aveva firmato il verbale di accordo parlando di «mancata introduzione di ulteriori correttivi ai quantitativi di materiale da non contabilizzare ai fini del dimensionamento e della resa».Il consigliere dem Cristiano Bottici ha domandato quali fossero gli elementi ostativi contenuti dal piano tali da rendere difficoltosa l'asportazione delle terre.


Ci sono: il Cai di Firenze, quello di Pisa e la sezione regionale toscana del Clup Alpino. Ma anche i gestori del rifugio Forte dei Marmi, alcuni residenti della frazione di Stazzema e i nuovi titolari dell'albergo di paese. Contro l'apertura di due nuove cave di pietra del Cardoso, ai piedi del monte Procinto, si sta mobilitando una bella fetta di ambientalisti, e non. Inoltre Stazzema sta per approvare il piano di bacino di quell'area (bacino Ficaio). Non siamo lontani dal maestoso monolite roccioso e della ferrata, la più antica d'Italia (ha 126 anni ed è stata ristrutturata l'anno scorso). Ma l'amministrazione Verona assicura: «Dopo l'approvazione del piano ci sarà il 40% in meno di area estrattiva, e si darà il via a due piani di ripristino ambientali». Il timore più forte - di chi è contrario - è che fra 10 anni, guardando il monte Procinto, magari dall'affascinate pieve Santa Maria Assunta, dalla vetta, o dal rifugio all'Alpe della Grotta, si vedrà un enorme buco nero. Un pugno in mezzo al verde a rovinare uno dei migliori punti di vista del paesaggio delle Apuane. Nel giro di poche settimane, sono fioccate lettere, osservazioni, comunicati stampa, rivolti al Comune, al Parco delle Alpi Apuane e alla Regione. Dopo incontri e tentativi di far cambiare strada all'amministrazione.

Legambiente annuncia battaglia legale per il "nuovo scempio della montagna di Stazzema". L'associazione contesta il Piano di Bacino adottato nel 2018 dal consiglio comunale di Stazzema che martedì sarà oggetto di approvazione definitiva da parte della conferenza di servizi.

La sorgente principale della città ‘sorvegliata speciale’ da Arpat. «Colpa delle cave»
UNA SORGENTE pura, di acqua cristallina e trasparente. Talmente pulita che verrebbe quasi voglia di avvicinare le mani e berla così, fresca e pura, a grandi sorsi, come nasce dal ventre delle nostre Apuane. E’ la sorgente del Cartaro, la principale risorsa di acqua potabile che rifornisce l’acquedotto di Gaia a Massa. Milioni e milioni di metri cubi di oro azzurro che sgorgano copiosi dalla montagna. Ma quell’acqua, preziosa risorsa, non è sempre così pulita e chiara: quando piove si riempie di così tanta polvere di marmo da diventare bianca, un ‘siero velenoso’ che cementifica dentro le sorgenti fino a seccarle, che si deposita come cemento nel letto del fiume uccidendo la vita. E accade a ogni pioggia.

MARMO ATTIVITÀ ‘SOSPESA‘ DA NOVEMBRE


VIA LIBERA dal Parco delle Alpi Apuane ai lavori di ripristino ambientale da parte della ditta Sermattei Srl per la cava al Padulello. Con la determina numero 7 del 15 marzo, gli uffici hanno dato il nulla osta alla società a iniziare i lavori che dovranno sistemare gli abusi evidenziati dai Guardiaparco e che avevano portato il Parco delle Apuane ha emettere l’ordinanza di sospensione a novembre dell’anno scorso.

«L’arte al cinema»

ARTE o cinema? Perché non entrambe? Si rinnova L’appuntamento di “L’arte al cinema” che questa volta vedrà sul grande uno degli artisti italiani più famosi al mondo: Antonio Canova. Questo film dal titolo “Canova” nelle sale il 18, il 19 e il 20 marzo: il Garibaldi prosegue le proiezioni anche nei giorni seguenti e accenderà i riflettori sulla vita, la carriera artistica e soprattutto la fama del maestro del Neoclassicismo.

Pagina 8 di 309

La foto notizia

Le opportunità del digitale e i rischi del mancato utilizzo Un progetto della CCIAA Lucca in collaborazione con Cosmave
Le opportunità del digitale e i rischi del mancato utilizzo Un progetto della CCIAA Lucca in collaborazione con Cosmave

PID Punto Impresa Digitale è un progetto della Camera di Commercio di Lucca - in collaborazione con Cosmave - per incrementare il processo della digitalizzazione nelle imprese.

Non solo marmo

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree