patrocinio comune

0

BANDO PREMIAZIONE DELLA FEDELTA' AL LAVORO E DEL PROGRESSO ECONOMICO EDIZIONE 2019

Dicembre 11th, 2019
La Camera di Commercio di Lucca ricorda che fino al 15 gennaio 2020 è ...
0

Il marmo di Vagli “in vetrina” in via Montenapoleone

Dicembre 11th, 2019
Per l’albero di Natale che addobba il cuore del quadrilatero della ...
0

Presentazione catalogo della mostra "Canova Il Viaggio a Carrara"

Dicembre 11th, 2019
Il catalogo della mostra “Canova. Il viaggio a Carrara”, allestita ...
0

Imprese 4.0. Aziende innovative e attività di ricerca industriale, Firenze 17-12-2019

Dicembre 11th, 2019
Ho il piacere di invitarLa al seminario "Imprese 4.0. Aziende ...
0

"Robotica, Iot, Big data e Manifattura predittiva", e "Blockchain e Responsabilità sociale"

Dicembre 11th, 2019
Camera di commercio: workshop gratuiti su "Robotica, Iot, Big data e ...
0

La nautica continua a sorridere Marmo ed edilizia ancora male

Dicembre 10th, 2019
I dati di Confindustria: Viareggio resta leader mondiale per gli ...
0

Apuo-versilia, un distretto produttivo e industriale, non minerario

Dicembre 09th, 2019
Un 2019 denso di avvenimenti, non tutti però positivi per il mondo ...


cosmave centro servizi

 

The Latest

Marmusculum, collettiva a Villa Bertelli

Opere di diversi artisti realizzate durante il Digital Stone Project VII.

NON UNA galleria come tante, ma un ponte culturale tra l’Europa e il Medio Oriente. Apre in via Carducci 14 la nuova galleria Oblong che a ottobre aprirà i battenti anche sulla Bluewaters Island, nella vivace e stimolante Dubai. Protagoniste sono Mara Firetti, Paola Marucci (moglie del senatore Massimo Mallegni) ed Emanuela Venturini, tre amiche, un’art dealer, un’imprenditrice e un architetto che da sempre coltivano una grande passione per l’arte contemporanea, pittura, ma soprattutto scultura. Tutte opere che esprimono personalità e interiorità come quelle di Manolo Valdés o di Igor Mitoraj.

DOPO le prime serate da tutto esaurito, “Marmo all’Opera! Il melodramma nei luoghi del marmo” prosegue con un poker di primedonne, protagoniste del concerto per le celebrazioni dei 250 anni della fondazione dell’Accademia di belle arti. La seconda edizione è organizzata da Comune e circolo carrarese Amici della Lirica “Mercuriali” e comprende una serie di eventi dedicati all’opera, in corso fino al prossimo mese di novembre, ambientati in suggestive location del territorio comunale. Dopo il successo ottenuto nella precedente edizione l’assessore alla Cultura Federica Forti ha deciso di sostenere questo progetto che porta la lirica all’interno dei laboratori di marmo e nelle piazze del centro storico.

IL MUSEO del marmo pronto a trasferirsi in centro. La sede sarà con ogni probabilità l’ex palazzo dei partiti di via Loris Giorgi e ci sarà spazio anche per un negozio di souvenir, un ristorante e tanto altro ancora. «Il nostro progetto – spiega l’assessore alla Cultura Federica Forti - prevede il riallestimento del Museo del marmo sul viale XX Settembre, come principale custode dei reperti romani di cava, degli archivi di vario genere e della archeologia industriale. Questo ci permetterà di non far crescere i costi nel momento in cui apriremo in centro, grazie alle risorse del ‘Bando delle periferie’, un nuovo Museo del Marmo e del territorio. Qui i visitatori troveranno un ristorante, un bookshop con vendita anche di prodotti di design: sarà un luogo sempre aperto dove tornare e ritornare più volte anche nell’arco della stessa giornata».

ITALIA NOSTRA ha ritrovato una statua di marmo, ‘abbandonata’ in un magazzino comunale, e chiede al sindaco di... recuperarla mentre gli esperti si stanno interrogando sulle sue origini. «Per puro caso – afferma il presidente della sezione di Massa-Montignoso Bruno Giampaoli nella lettera al sindaco Persiani – abbiamo scoperto in un magazzino comunale una bella opera in marmo bianco che riproduce la figura di una giovane donna nuda in stato interessante con due strane protuberanze nel capo. La figura risulta volutamente scolpita in maniera grezza e, pur essendo un lavoro moderno, forse rappresenta un’antica divinità matriarcale. Abbiamo interessato vari esperti d’arte anche di buon livello ma nessuno ci ha fornito spiegazioni plausibili e pertanto l’opera risulta per tutti sconosciuta e per noi un vero enigma». 

«LAVORARE in cava e nei piazzali con questo caldo è disumano. Serve subito un protocollo ad hoc». In questi giorni in cui la colonnina di mercurio viaggia abitualmente sopra i livelli di guardia il segretario della Fillea Cgil Leonardo Quadrelli si fa sentire per chiedere provvedimenti urgenti a tutela dei lavoratori. «Lavorare all’aperto, sotto al sole, senza un riparo nelle cave, nei piazzali e nei cantieri edili è una cosa disumana. Già a metà giornata chi lavora in queste condizioni è fisicamente sfinito e a rischio di colpi di calore - dice Quadrelli -. Le previsioni ci dicono che queste condizioni non finiranno presto e i cambiamenti climatici in corso moltiplicheranno questi periodi per quest’estate e per le prossime. Per questo noi sindacati abbiamo il dovere di trovare soluzioni operative e concrete per difendere le condizioni di salute per tutti i lavoratori.

La foto notizia

Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti
Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti

Domenica 22 settembre terzo appuntamento della stagione con il ciclo “Dal virtuale al reale”. La visita guidata prevede una prima sosta al MuSA per poi proseguire al Museo dei Bozzetti. Al MuSA visita alla Collezione “Capitani Coraggiosi”, una selezione di opere in gesso provenienti dal Comune di Pietrasanta e concesse in prestito. La selezione fa parte del progetto “Il museo diffuso”, con il quale il Comune, ricercando contenitori sul territorio che ospitino piccole sezioni del museo con bozzetti a tema con il luogo, rende fruibile la sua imponente collezione. Proiezione del documentario in multiproiezione “La voce del marmo“, il film documentario che ripercorre la storia dell’estrazione del marmo nell’area Apuo-versiliese, da Michelangelo fino ai giorni nostri. A seguire, dopo una breve passeggiata visita al Museo dei Bozzetti, un’istituzione unica nel suo genere, nata nel 1984 con l’intento di documentare l’attività degli artisti. Ubicato in un contesto storico-religioso di prestigio, l’istituto raccoglie e ospita 700 bozzetti di sculture di oltre 350 artisti che hanno scelto i laboratori di Pietrasanta e della Versilia per realizzare le proprie opere. Una passeggiata tra viaggio tra le creazioni della scultura contemporanea di tutto il mondo, un percorso alla scoperta del prezioso lavoro degli artigiani. www.museodeibozzetti.it La visita guidata avrà inizio al MuSA in Via Sant’Agostino 61 (angolo Via Garibaldi) alle 17.00, proseguirà al Museo dei Bozzetti in Via Sant’Agostino 1 alle 18.00 e terminerà intorno le 18.45. L’ingresso è gratuito, è gradita la prenotazione PRENOTA QUI DAL VIRTUALE AL REALE | Dal MuSA al Museo dei Bozzetti I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Visita "virtuale" al MuSA e a seguire visita "reale" al Museo dei Bozzetti Domenica 22 settembre - dalle 17.00 alle 19.00

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree