patrocinio comune

0

Capo spirituale indiano in città per una statua

Luglio 16th, 2019
Una statua di marmo Bianco Carrara che andrà vicino al Taj Mahal, in ...
0

Gli occhi inevitabili del colosso Il Dedalo di Mitoraj in Versiliana

Luglio 16th, 2019
Il capolavoro in bronzo, alto sei metri, installato nel parco per ...
0

Carrara, tour nella città del marmo. Tra cave e antichi borghi

Luglio 14th, 2019
Alla scoperta della storia e della tradizione secolare della città ...
0

‘Water+Marble Experience’ Ronchieri: «Il nostro territorio è una perla»

Luglio 11th, 2019
Ronchieri: «Il nostro territorio è una perla»– MASSA – «LA NOSTRA ...


cosmave centro servizi

 

The Latest

Restauri in diretta con Daniela Dini

Restauri in diretta dei bozzetti a Palazzo Panichi oggi alle 16, iniziativa inserita nel programma di eventi correlati alla mostra "Storie di gessi". Sono previsti momenti di restauro dimostrativo di bozzetti a cura di Daniela Dini

Canone Marmo fissato a 7,12 euro

Dal 1° gennaio, il materiale estratto dovrà pagare il dieci per cento del valore medio e la quota fissa.

La delibera di giunta del 30 gennaio, n. 24, con la determinazione del cosiddetto "Canone Marmo" - fissato a 7,12 euro, uguale per tutti - ha completato la rivisitazione delle tasse sui materiali lapidei estratti dalle 18 cave attive nel versante di Massa delle Apuane. Nella delibera si ricorda che sarà poi il regolamento degli agri marmiferi (mai approvato in passato, nonostante gli obblighi imposti dalla legge mioneraria del 1927..., ndr) a definire tariffe e percentuali, in ogni caso si ricorda che la legge regionale impone che l'imposizione fiscale non possa essere superiore al 15% del valore medio del prodotto. E così, sulla base dei valori medi attribuiti a seguito degli studi dell'Università di Siena, si fa notare che rideterminando la tariffa del "Canone Marmo" a 7,12 EUR/ton, viene ad essere rispettato per tutte le Cave Attive del Comune di Massa il limite massimo del 15% (nella tabella, l'ultima colonna indica la percentuale di tassazione). Canone Marmo che verrà a cessare una volta che sarà esecutivo il Regolamento Comunale, quando potrà essere introdotto il "Canone Concessorio".

Lui si chiama Michelangelo, fa lo scultore, la Cappella Sistina ospita alcune delle sue opere d'arte e si è innamorato perdutamente del marmo di Carrara, tanto da decidere di venire ad abitare nella nostra città. Stiamo parlando di Michelangelo Toffetti, lo scultore di origini bergamasche molto conosciuto soprattutto negli Stati Uniti, che ha deciso di stabilirsi proprio a Carrara e che è entrato a far parte della famiglia (come la definisce lui) dei ragazzi della Cooperativa Scultori di Carrara che hanno il laboratorio a San Martino. In realtà probabilmente non è un caso che Toffetti porti il nome del Maestro del Rinascimento: infatti l'artista proviene da una famiglia di scultori, dato che anche il padre scolpiva e insieme a lui ha dato vita ad alcune opere di grande pregio, come la fonte battesimale in bronzo e oro presso la Cappella Sistina dove vengono celebrati i battesimi all'inizio dell'anno e un leggìo sempre nella Cappella Sistina o come la cappella papale presso il Santuario di Caravaggio, dove ha realizzato, in occasione della visita del Papa Giovanni Paolo II del 1992, gli stucchi in gesso, i pavimenti in marmo, l'altare, tutto l'arredo e le vetrate artistiche

Il Pd di Carrara ha organizzato un incontro/confronto in merito al Piano Regionale Cave. Ospite e relatore dell'incontro l'Assessore Regionale Vincenzo Ceccarelli che ha illustrato la bozza, si spiega in una nota, ai numerosi intervenuti in rappresentanza di Confindustria, Cooperative, Sindacati, Cna e Confartigianato. «Nel confronto con l'assessore Ceccarelli sono state avanzate dagli intervenuti nuove proposte ed evidenziati alcuni dubbi su cui si sono concordati ulteriori passaggi di approfondimento. Tra questi la questione relativa ai depositi di materiale esistenti a monte e una definizione più puntuale in merito ad alcuni parametri per la definizione della cosiddetta "resa"». «I temi di fondo, di cui ha tenuto ampiamente conto la stesura della proposta di piano che andrà in adozione tra poche settimane, sono stati sostenibilità ambientale, sostenibilità economica e sostenibilità sociale. Obiettivo ambizioso, ma oggi quanto mai raggiungibile, è quello di far si che il periodo delle osservazioni, periodo che intercorre tra l'adozione del piano e la sua approvazione definitiva, non si trasformi in un Far West ma serva solo per portare eventuali modifiche migliorative».

«Fossa Combratta: vittoria, preoccupazione e speranza»: a scriverlo è Legambiente Carrara. «Grazie alla fermezza del Parco e dell'Arpat è stato bloccato il tentativo di aprire una grande cava a Fossa Combratta, ricorrendo a pretestuose motivazioni di sicurezza e aggirando i vincoli del Pit-Piano Paesaggistico (che consente solo l'estrazione di piccole quantità di marmo). Esprimiamo pertanto soddisfazione per queste conclusioni, per le quali ci siamo battuti con solide argomentazioni». Secondo Legambiente, «l'azienda estrattiva l'aveva combinata veramente troppo grossa: dovendo mettere in sicurezza la cava (autorizzata per soli 1.370 m3), aveva presentato, come intervento di rimozione di un ammasso instabile (di 400 m3), il progetto di una cava di addirittura 58.000 m3, corrispondente a estrarre tanti blocchi quanti, al ritmo precedente, avrebbero richiesto un intero secolo: una misura evidentemente sproporzionata alle reali necessità».

Redazione

MARMO, idee e proposte del Pd sul Piano regionale cave. Presenti all’incontro con l’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, il quale ha presentato il documento, il consigliere regionale Giacomo Bugliani, il segretario provinciale Enzo Manenti, quello comunale Gian Luca Brizzi, il consigliere Cristiano Bottici, il coordinatore della segreteria Nicola Abruzzese. Ceccarelli ha illustrato la bozza al pubblico formato da Confindustria, cooperative, sindacati , Cna e Confartigianato. Brizzi ha illustrato le varie tappe con cui si è giunti all’accoglimento delle diverse proposte giunte dal territorio sul Piano, proposte portate in Regione. 

La foto notizia

Le opportunità del digitale e i rischi del mancato utilizzo Un progetto della CCIAA Lucca in collaborazione con Cosmave
Le opportunità del digitale e i rischi del mancato utilizzo Un progetto della CCIAA Lucca in collaborazione con Cosmave

PID Punto Impresa Digitale è un progetto della Camera di Commercio di Lucca - in collaborazione con Cosmave - per incrementare il processo della digitalizzazione nelle imprese.

Non solo marmo

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree