patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

La Nazione (6153)

IL PARTY OGGI ALL’«ARTANA» DI FRANCHI CON BROTINI

– MASSA CARRARA – UN PARTY escusivo, oggi a Carrara, e solo su invito per il lancio della nuova «Q8» di Audi organizzato dalla concessionaria Brotini alla cava Artana della famiglia Franchi. Un evento riservato agli imprenditori locali soprattutto del settore lapideo che potranno vedere in anteprima il nuovo modello di punta della casa Audi. La scelta del luogo della presentazione è presto detto, Brotini ha voluto dare risalto al territorio e al marmo, «il nostro prodotto naturale per eccellenza, una fonte preziosa, unico ed inimitabile come lo è Audi», dichiarano Francesca Bertolucci, responsabile marketing di Brotini, e Donatello Brotini, titolare della concessionaria. Ci sarà ad accompagnare gli ospiti un gruppo che suonerà musica jazz, un gioco di luci ben architettato per dare risalto al marmo e alla nuova automobile e il cibo rigorosamente locale, dal lardo di colonnata, prodotto unico del territorio ad altri prodotti enogastronomici tutti autoctoni. «Abbiamo voluto dare un’attenzione particolare al territorio – continuano Brotini e Bertolucci – fare un omaggio ai nostri imprenditori locali offrendo il meglio per l’evento e dare risalto alla meravigliosa cava Artana, al marmo che non ha rivali in natura e ad Audi». Margherita Badiali


Il marmista stava spostando un carico: ennesimo incidente
Scia di sangue
In pochi mesi si sono verificati tre incidenti mortali sul lavoro: al porto, in una segheria e al monte
Task force
Le istituzioni di tutti livelli sono unite per prevenire e tamponare le morti e gli incidenti sul lavoro
di CLAUDIO LAUDANNA SCHIACCIATO da una lastra di marmo mentre lavora in un piazzale a Sant’Antonio. Gravissimo un operaio 31enne, Stefano Franchini. L’uomo, di Massa, è stato trasportato d’urgenza a Pisa con l’elicottero Pegaso e le sue condizioni sono state giudicate critiche dai sanitari, anche se non sarebbe comunque in pericolo di vita. Ancora da chiarire la dinamica dell’incidente anche se sembra simile a quella di tanti, troppi, episodi accaduti sul nostro territorio negli ultimi mesi. Dai primi riscontri, il giovane stava spostando alcune pesanti lastre di marmo in un piazzale di via Carriona quando è stato travolto da una di queste che lo ha colpito al petto e al volto. Nell’impatto ha riportato un brutto trauma toracico, oltre che ferite agli arti e in viso. Immediatamente sono stati chiamati i soccorsi e in pochi minuti sul posto sono arrivate un’automedica e un’ambulanza della Pubblica assistenza. L’operaio nonostante il colpo sia stato tremendo non ha mai perso conoscenza, così i sanitari hanno potuto stabilizzarlo sul posto e portarlo all’aeroporto del Cinquale dove è stato caricato sull’elicottero Pegaso che lo ha trasportato Pisa in codice rosso. Qui le condizioni del giovane sono state giudicate gravi, ma comunque non tali da pensare a un pericolo di vita. Franchini rimarrà ora ricoverato a Cisanello. In via Carriona, nel frattempo, sono intervenuti gli specialisti del dipartimento Sicurezza sul lavoro dell’Asl coordinati da Maura Pellegri che hanno ascoltato i colleghi del marmista e hanno effettuato tutti i rilievi del caso. Molti i punti interrogativi che dovranno essere chiariti nelle prossime ore a cominciare dal fatto se il giovane fosse stato da solo o con lui ci fosse anche un collega che stesse manovrando le lastre. Di certo qualcosa in questa complessa operazione è andato storto e l’operaio è rimasto travolto secondo una dinamica che sembra essere molto simile a quella di tanti altri episodi recenti. Solo dallo scorso maggio ad oggi la città ha già pianto tre operai morti mentre erano alle prese con la movimentazione del marmo, dal monte al piano fino al porto, mentre solo una settimana fa a Montignoso un uomo di 59 anni è stato ferito gravemente mentre stava spostando delle lastre. «In un momento come questo – dice il segretario provinciale della Cgil Paolo Gozzani – voglio avanzare una richiesta ufficiale a tutte le istituzioni a partire da Prefettura e dalla Regione perché si faccia qualcosa sul tema della sicurezza. Evidentemente i controlli che si fanno non bastano, bisogna fare quadrato e trovare una modalità con tutte le categorie senso di impotenze e frustrazione generale».


IL PROCESSO DUE FRATELLI CITATI A GIUDIZIO

EREDITANO la cava dalla madre e si trovano in tribunale per uso di atto falso. Si è tenuta l’udienza che vede imputati i fratelli Anna Elena e Maurizio Muttini, citati in giudizio da Ilaria Ricci che contesta che la compravendita di diritti su un agro marmifero sia avvenuta con l’uso di un atto falso. In tribunale è stato ascoltato un teste della difesa, portato dagli avvocati Roberta Dell’Amico e Riccardo Balatri. Il testimone, un legale di Parma che ha avuto rapporti lavorativi con i Muttini, avrebbe sostenuto nella sua deposizione che «volontà della madre era lasciare la cava ai figli e che quindi a prescindere dalla falsità o meno del testamento olografo, essi erano gli eredi naturali». Lo stesso teste avrebbe dichiarato, producendo carte e documenti, che « da tempo i Ricci avevano intentato numerose cause contro i Muttini, una sorta di accanimento giudiziario, tutte regolarmente respinte in ogni sede di giudizio». DALLA TESTIMONIANZA del legale è emerso che i Muttini fossero assolutamente in buona fede nell’uso del testamento della madre. Sarà poi il consulente del tribunale a stabilire con la perizia grafica se il testamento fosse autentico o meno. Il processo è stato aggiornato al 6 novembre prossimo con nuovi testimoni.

L'impegno del sindacato sulla sicurezza


LA SICUREZZA sui luoghi di lavoro nell’agenda della Cisl. Ieri i sindacalisti della Cisl, il segretario Massimo Bani, il vertice provinciale Andrea Figaia, Giacomo Bondielli (Filca) e Luca Mannini (Fit) si sono incontrati con il procuratore Aldo Giubilaro, il prefetto Paolo D’Attilio e il sindaco di Massa Francesco Persiani. Argomento degli incontri la sicurezza nei luoghi di lavoro con particolare attenzione alla filiera del marmo. «Abbiamo illustrato – si legge in una nota della Cisl – la necessità che gli imprenditori investano sulla sicurezza risorse maggiori, il fenomeno del nero e le mansioni fai da te da parte di alcuni autotrasportatori nei piazzali di deposito del marmo per poi così avere il tempo di fare un viaggio in più. Abbiamo poi suggerito la patente a punti per i concessionari delle cave e l’uso di nuove tecnologie e investimenti per sostituire le macchinette a filo diamantato con l’obiettivo di ridurre drasticamente le tragedie nel mondo del marmo. Abbiamo fatto presente – conclude il comunicato – la necessità di rendere obbligatoria la presenza garantita minima di un geologo per ogni cava.».

Regolamento del marmo Commissione svanita


«CHE FINE ha fatto la commissione a porte chiuse sul regolamento degli agri marmiferi? In cinque mesi non si è fatto ancora nulla, su questo tema amministrazione e maggioranza giocano a nascondersi». Non usa mezze misure il consigliere di minoranza Cristiano Bottici quando chiede notizie nel corso della commissione Marmo del percorso annunciato dall’amministrazione ormai lo scorso maggio per arrivare al regolamento che dovrà mettere i paletti al settore. A quindici mesi dall’elezione di Francesco De Pasquale il nuovo corso grillino è ancora fermo al palo. Il gruppo di lavoro che sarebbe dovuto partire la scorsa primavera e per espressa volontà della maggioranza avrebbe dovuto lavorare a porte chiuse, senza che giornalisti o cittadini potessero assistere «per sveltire i lavori». «La commissione a porte chiuse non è mai piaciuta – dice Bottici –, ma in questi cinque mesi non si è fatto nulla. Quando ad aprile l’amministrazione aveva annunciato la costituzione aveva già in mano una bozza di regolamento. La stessa commissione Marmo si dovrebbe riunire più spesso, visto che nessuno ci ha neppure presentato i dati sull’escavazione degli ultimi sei mesi».

 

MOSTRA ALL’ARCHIVIO DI STATO

SI INAUGURA stamani, alle 10, all’Archivio di Stato, la mostra documentaria «Fra le carte del fondo Pelliccia Remedi. Una famiglia di artisti nella Carrara del XIX secolo». L’iniziativa rientra nelle Giornate Europee del Patrimonio.

IN PROGRAMMA oggi alle 17 nella sala polifunzionale del Museo Archivio della Memoria a Bagnone, sarà la presentazione del libro «Le facce del fiume. Clemente Castelli e le sue sculture» di Angelica Polverini e Oreste Verrini, edito da Tarka edizioni. Parteciperanno i due autori e Rossana Piccioli, presidente della Fondazione Malaspina

Operaio investito da lastra di marmo

Un operaio di 31 anni è stato investito da una lastra di marmo ed è stato ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Cisanello di Pisa. L’incidente, ieri pomeriggio, si è verificato in una segheria alla periferia di Carrara.

 

FOCUS CERSAIE 2018

Arte alla Polveriera

Pagina 1 di 616

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree