patrocinio comune




cosmave centro servizi

 

La Nazione (3441)


«POCHI MINUTI PRIMA C’ERA UN BIMBO A BERE»

ALCUNI TESTIMONI raccontano che pochi minuti prima del corllo della lastra di marmo, proprio in quella fontana c’era un bambino a bere l’acqua. Per fortuna il distacco è avvenuto dopo.
di STEFANO GUIDONI UN CEDIMENTO improvviso che è rimbombato in tutta piazza, facendo sì che per alcuni attimi qualcuno ha temuto il peggio. Non era ancora mezzanotte e complice il caldo giovedì sera nella centralissima piazza degli Aranci, nel cuore del centro storico di Massa, c’era ancora gente, tra cui alcuni bambini intenti a giocare vicino al monumento. Improvvisamente il forte boato proveniente da una delle quattro fontane dei leoni di marmo, che insieme all’obelisco occupano il centro della piazza grande, simbolo della città. E’ da lì che si è staccata una parte del basamento di uno dei felidi bianchi, andata a finire all’interno della fontana, proprio mentre seduta sugli scalini del monumento e sulle panchine di marmo che lo circondano, c’era ancora della gente. «Il destino ha voluto che sia accaduto di notte – è il commento dei presenti – e che a staccarsi sia stata una parte di marmo frontale rispetto al leone, anziché laterale, andata a finire all’interno della vasca. Chissà che cosa sarebbe potuto accadere se il cedimento fosse stato di altro genere». Stando a un altro testimone «qualche istante prima che accadesse il fatto, un genitore ha preso in braccio il figlioletto prima di far ritorno a casa dopo una serata di gioco nella piazza, gli ha fatto lavare le mani proprio nella fontana dove poco dopo è crollato il marmo». Il rimbombo provocato dal cedimento di una parte dell’opera realizzata dagli scultori Giovanni e Lodovico Isola, ha fatto sì che alcuni residenti segnalassero l’accaduto alle Forze dell’ordine. Nel giro di poco sono sopraggiunte due pattuglie, una dei carabinieri e l’altra della polizia municipale, che una volta verificato che il cedimento improvviso non aveva arrecato danni alle persone, si sono sincerati che la parte di marmo staccatasi dal basamento e finita nella vasca, fosse posizionata in modo tale da non risultare pericolosa. E al contempo hanno controllato che il monumento non presentasse altri segnali che facessero presagire un ulteriore crollo. L’appello rivolto al Comune da parte dei frequentatori abituali della piazza, che dopo la chiusura al traffico e l’eliminazione del parcheggio è tornata ad essere il punto di ritrovo e d’incontro principale della città, è che «si verifichi lo stato dell’intero monumento, garantendo le condizioni di sicurezza a tutti coloro che giornalmente salgono e scendono le scale ai quattro lati dell’obelisco, controllando in particolare le condizioni dei leoni e delle vasche». Il Comune da parte sua ha fatto sapere di essersi attivato prontamente per risolvere quanto accaduto, sia dal punto di vista artistico che estetico ma anche per verificare le condizioni di salute e di sicurezza del monumento, così da evitare che possa riaccadere qualcosa di simile quando nessuno se lo aspetta.

LE QUATTRO “LOCATION” DELLA «BIENNALE»

LE MOSTRE della «Biennale d’Arte Contemporenea» si svolgono a Villa Cuturi (fino al 23 agosto), al Parco della Repubblica del Cinquale (fino al 10 settembre, al Palazzo Ducale (fino al 15 settembre), al Castello Malaspina.

L’«ipnotista» e la ‘sua’ arte Se la critica è estemporanea
Stasera il libro di Puntelli: Xhomo e Masuno ai ‘raggi x’

UN APPUNTAMENTO con l’arte contemporanea, stasera a Villa Cuturi a Marina di Massa alle 21,15: Alberto Sacchetti presenterà il libro “Il labirinto dell’ipnotista”, editoriale Giorgio Mondadori, di Giammarco Puntelli. Il libro parla della pittura da Goya e Van Gogh ai contemporanei. Nell’occasione il direttore artistico della Biennale d’Arte Contemporanea di Massa e Montignoso presenterà due opere nella chiave di lettura del libro stesso. Le opere saranno degli artisti Armand Xhomo e Giovanni Masuno (nella foto è con l’opera che sarà pubblicata sul Catalogo dell’Arte Moderna, editoriale Giorgio Mondadori). Saranno presenti i maestri e sarà l’occasione per assistere dal vivo ad un lavoro di critica d’arte. E così il volume della collana editoriale “Le Scelte di Puntelli” sbarca a Marina di Massa per contaminare il pubblico con il piacere di scoprire l’arte contemporanea. Villa Cuturi ospita la mostra personale di Edmondo Nardini e rimarrà aperta fino al 23 agosto ed è visitabile negli orari di apertura della Villa, tranne il fine settimana che la chiusura è a mezzanotte. Le opere del maestro Pietro del Corto, invece, saranno esposte fino al 10 settembre nello spazio espositivo del Cinquale, presso il Parco della Repubblica, in via Del Freo ed è visitabile dal martedì alla domenica dalle 21 alle 24. Palazzo Ducale ospita le opere di tre grandi maestri: Luciano Preti, Italo Duranti e Domenico Conforte. Nella sala degli Specchi e nel salone degli Svizzeri le tele e le sculture catturano l’attenzione dei visitatori e rimarranno fino al 15 settembre (dal martedì alla domenica dalle 21 alle 24). La mostra collettiva, che ospita 23 artisti da molti paesi e città, è al Castello Malaspina ed è aperta negli orari del castello (10,30 – 13 e 17,30 – 24). In questa location, simbolo del territorio massese hanno trovato una temporanea dimora le opere di: Franca Reivella, Armand Xhomo, Chico Molo, Alessandro Trani, Mafalda Pegollo, Giovanni Masuno, Libuse Babakova, Emanuela De Franceschi, Gino Dalle Luche, Stefano Abelli, Enrico Cesaro, Oksana Kuplovska, Lorenzo Marchetti, Gemma Spada, Valentina Cipolla, Lara Borghetti, Monica Della Bona, Mattia Cauzzi, Pierluigi Concheri, Marianna Tesconi, Franco Cappelli, Rosy Maccaronio e Natalina Bonini.

 

APPUNTAMENTI

A SPASSO nella storia. Nuove conferenze itineranti promosse dall’Accademia Albericiana in collaborazione con Amici dell’Accademia di Belle Arti, Dickens Fellowship, Touring club italiano e Italia nostra. Prossimo appuntamento mercoledì alle 21 con partenza da piazza Accademia per parlare di «Carrara città industriale» con Luca Borghini. Stesso posto e stessa ora venerdì per poi andare verso il Centro Arti Plastiche. Visita alla mostra con Giovanna Bernardini. Sabato «Carrara degli inglesi e degli americani» con Marzia Dati. Giovedì invece alle 20,50 al la Fondazione Giorgio Conti a Palazzo Cucchiari, dove si terrà la visita alla mostra con Federico D. Giannini, direttore della testata Finestre sull’arte. Successivamente, alle 21.50: «10 anni di ...A spasso nella storia» con, tra gli altri, Daniele Canali, Almavittoria Cordiviola, Beniamino Gemignani, Mario Venutelli, Romano Bavastro, Annamaria Pregliasco, Pietro di Pierro. Sarà presente l’assessore Federica Forti.

 


SANTO STEFANO OPPOSIZIONE
– SANTO STEFANO MAGRA – UN CONSIGLIO straordinario sull’ex cava della Brina di Ponzano. La richiesta di discutere il delicato tema ambientale è stata lanciata dai consiglieri di opposizione Francesco Ponzanelli (nella foto) e Alberto Monticelli che hanno chiesto entro 20 giorni la convocazione dell’assise per trattare l’argomento. L’ex cava è stata dissequestrata in parte consentendo la ripresa dell’intervento di riempimento come previsto dal progetto. «Abbiamo bisogno - spiegano - di sapere di più e, come noi, tutti i cittadini. Non dimentichiamo che la Brina era stata sottoposta a sequestro da parte della Procura della Repubblica a causa del rinvenimento di materiali pesanti e non compatibili con l’ambiente. Sono tante le risposte che attendiamo anche perchè vediamo che la maggioranza sull’argomento sta esprimendo posizioni differenti». La richiesta di convocazione del consiglio comunale a tema è stata protocollata oltre che inviata al sindaco

OGGI e domani strada dei marmi aperta alle auto e moto. Per tutti i veicoli è istituito il limite di velocità di 50 km/h, il divieto di effettuare manovra di soprasso e il di transito nel tratto di Galleria S.Croce, compreso tra la Galleria S. Croce e via San Francesco, dato che questo tratto è destinato a svincolo di servizio in caso di emergenza.

«Dopo Canova» a palazzo Cucchiari Ecco gli orari


LA MOSTRA «Dopo Canova. Percorsi della scultura a Firenze e a Roma», curata da Sergej Androsov, Massimo Bertozzi ed Ettore Spalletti allestita nelle sale di Palazzo Cucchiari sarà apeta nel week end. Sabato dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 23:30; domenica dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 22. Biglietti: intero singolo: 10 euro con audioguida. Ridotto: 8 con audioguida (Ragazzi da 9 a 18 anni, oltre i 65 e soci Touring); Gratuito con audioguida per giovani fino a 8 anni accompagnati dai genitori, portatori di handicap. Info: 0585.72355.

IL FILM STASERA IL DOCUMENTARIO CHE HA VINTO IL FESTIVAL INTERNAZIONE DI ROMA NEL 2013

UN FIUME “solido”, che scorre da Carrara alla cittadina di Barre nel Vermont, Stati Uniti, dove una comunità italiana di scultori e minatori delle cave di granito è approdata tra Ottocento e Novecento per lavorare la roccia. Una storia al centro di “Il fiume di pietra” di Giovanni Donfrancesco, in onda stasera, sabato alle 22.10 su Rai Storia, per il ciclo “Documentari d’autore”. Il racconto è costruito sulle parole dei migranti che lasciarono l’Europa per cercare condizioni di vita migliori in America. Sono i loro discendenti a leggere quelle testimonianze, in particolare di chi arrivò in una zona del New England, dove si raccolsero, insieme con altri, tanti italiani, soprattutto da Carrara, per lavorare una materia dura e pericolosa come il granito. Tra le vecchie cave ormai abbandonate e le maestose lapidi del cimitero di “Hope” (Speranza) dove quei lavoratori riposano da tempo, si scende lungo questo fiume di storie umane toccanti, mai scontate, come in una “Spoon River del cinema”. Il film è stato premiato come miglior documentario al Festival Internazionale del Film di Roma 2013.

Pagina 1 di 345

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree