patrocinio comune




cosmave centro servizi

 

La Nazione (2873)


IN CITTÀ un viaggio nell’arte con le manipolazioni tra archeologia e memoria di Luca Pignatelli. La mostra esposta a palazzo Cucchiari presenta 26 opere quasi tutte inedite. Curata da Antonio Natali e Massimo Bertozzi sarà aperta fino al 18 giugno. A partire da venerdì l’orario varia: martedì, mercoledì, giovedì e domenica 15-19, venerdì e sabato 15-22
Palazzo Ducale, ultimo giorno per la mostra «Urpflanze»
ULTIMO giorno, oggi, per visitare, a Palazzo Ducale di Massa, la mostra collettiva d’arte contemporanea «Urpflanze-La natura dell’idea». Diciannove opere tra installazioni, dipinti, sculture e fotografie di altrettanti artisti, tra cui Emilio Isgrò, Nanni Balestrini, Yoko Ono, Alberto Garutti, Piero Gilardi e Hidetoshi Nagasawa. Apertura dalle 16.30 alle 19.30. Ingresso libero.

VENERDÌ alle 11,30, in occasione di «Terrae. Respirare terra. Cibo, arte, design» organizzata da Ristorando e da Vetrina Toscana, si terrà una nuova visita all’Accademia di belle arti a cura dell’architetto Corrado Lattanzi. Massimo 35 persone. Per partecipare contattare la pagina Facebook degli Amici dell’Accademia di belle arti

LA DISCARICA di Cava Fornace stavolta mette tutti d’accordo: maggioranza e opposizione di Montignoso schierate per la prima volta da anni in un fronte comune contro la gestione del sito portata avanti dalla Programma Ambiente Apuane da marzo 2016, ossia da quando Programma Ambiente, società partecipata al 100% dalla Asm di Prato, ha acquistato altre quote societarie passando all’80% complessivo. Dopo mesi di discussione, la commissione di controllo su Cava Fornace ha messo nero su bianco tutte le criticità della discarica: un documento inviato poi alla Regione per avere risposte e chiarezza. L’atto è stato firmato da tutti i capigruppo: Andrea Cella (presidente), Settimo Del Freo, Marino Petracci, Eleonora Petracci, Pietro Andrea Gabrielli, Paolo Lenzetti, Raffaello Gianfranceschi. «Porteremo tutti i dati alla IV commissione della Regione dove saremo ascoltati – ha precisato Cella in conferenza stampa congiunta con gli altri commissari –. Finalmente abbiamo trovato la sintesi su un documento che pone precise critiche su quanto sta succedendo nella cava, grazie anche al supporto del Comitato dei cittadini, con il prezioso lavoro di Gabriele Bugliani, e delle associazioni ambientaliste». Diverse le criticità evidenziate: il mancato rispetto delle percentuali 70 a 30 di marmettola e rifiuti speciali non pericolosi, la discrepanza nelle misure dei conferimenti fra autorizzazioni e dati forniti, la presenza di fibre di amianto disperse nell’area che, seppure inferiori ai limiti di legge, rappresentano un pericolo. Nelle acque sotterranee è stato trovato il triclorometano in alcuni piezometri e per questo si chiede alla Regione di potenziare le analisi e i piani di monitoraggio. Agli uffici di Firenze si chiede inoltre di verificare il versamento non regolare delle royalties sui conferimenti al Comune di Montignoso e di avviare una nuova valutazione di impatto ambientale al raggiungimento della prima quota di chiusura della discarica, a 43 metri, per tenere conto di tutti gli aspetti emersi fino a oggi. Nel mirino dell’opposizione, in particolare, la mancata trasparenza della gestione: «Abbiamo chiesto la fidejussione più volte senza ottenere risposte», ha rimarcato Lenzetti, emersa anche dalle richieste di variante presentate in Regione senza informare il Comune, «con le precedenti gestioni questo non era mai successo», ha incalzato Gabrielli. Un passo in avanti anche da palazzo civico: mercoledì, con l’approvazione del bilancio, saranno stanziate delle cifre per programmare ulteriori analisi alla discarica, come richiesto da Montignoso democratica. Insomma, al di là delle divergenze politiche, stavolta sono tutti d’accordo nel chiedere più controlli e più rispetto da parte dei gestori della discarica e, se necessario, arrivare alla sua chiusura che spetta comunque agli enti competenti e non al Comune.

 

ALLA SCOPERTA della città e delle cave con un menù su misura per ogni visitatore. In occasione di «White Downtown» il ‘Tau‘ tour operator organizza un perfetto calendario per vivere, scoprire e gustare la città, definito dagli organizzatori «Sight & seeing tour» e caratterizzato dalla possibilità di scegliere fra veri e propri menù personalizzati. Utilizzando un biglietto valido per 10 ore è possibile disporre di una navetta in partenza ogni 45 minuti dal parcheggio san Martino decidendo quando, come e cosa visitare fra: centro storico della città e i suoi segreti, Cava Romana, Cava Michelangelo, Colonnata e le larderie e visita nel cuore delle cave in fuoristrada.
Prezzi: adulti 25 euro per il giro in bus (70 minuti) oppure 48 euro per il giro in bus più visita in 4x4 (altri 70 minuti) nell’interno delle cave. Ridotti (4-14 anni) 12 o 25 euro in base alle due tipologie. Sempre a cura del ‘Tau’ previsti anche 3 pacchetti turistici speciali in abbinamento ai concerti di Sarah Jane Morris, Richard Galliano e Giovanni Allevi che includono tour un pranzo tipico e l’ingresso al concerto con prezzi compresi fra gli 80 e i 90 euro. Info: telefono 328 415.608.4 www.carraramarmotec.com.

Il progetto realizzato dall’artista brasiliano nel bacino di Gioia
LA FESTA PER L’INAUGURAZIONE
«UN DIVERTIMENTO PER TUTTI – SOTTOLINEA QUINTO CIUFFI DELLA CAVA GUALTIERO CORSI – CHE RAGGIUNGERÀ IL SUO APICE CON LA FESTA PER L’INAUGURAZIONE DELL’OPERA, PREVISTA A BREVE»
E’ COME se Michelangelo avesse fatto ritorno in cava, in quello scenario unico che ha rappresentato la sua seconda casa: quando da «La Pietà» in poi, il marmo bianco delle Alpi Apuane è divenuto la materia primaria per la sua geniale creatività. Un ritorno al passato guardando al futuro grazie all’opera realizzata da Eduardo Kobra, artista brasiliano considerato uno dei «giganti» della street art, che in una «full immersion» tra l’azzurro del cielo e il bianco delle cave, ha realizzato il suo murales su una delle pareti più alte della cava di marmo Gualtiero Corsi, nel bacino agromarmifero massese di Gioia. Un’iniziativa che ha coinvolto più o meno direttamente numerose persone, che ieri in Comune hanno ripercorso una realizzazione unica nel suo genere, alla presenza del sindaco di Massa Alessandro Volpi e dell’assessore alla promozione del territorio Elena Mosti. Assente giustificato il protagonista, ancora immerso in un mix tra colori e bianco e nero, che unito al fascino di uno scenario inimitabile come quello delle cave, lo hanno letteralmente «ipnotizzato». L’opera compiuta, che ha preso spunto dal David di Michelangelo, farà il giro del mondo promuovendo l’intero territorio provinciale a partire da Massa, grazie anche al documentario della serie tv «Muro» curata da David Diavù Vecchiato e prodotta da Sky Arte HD e da Level 33, che andrà in onda a fine estate in Italia, Germania e Inghilterra. Quale promozione migliore per prolungare la stagione? «Un’altra importante iniziativa d’arte contemporanea nel nostro territorio – ha ricordato il sindaco – grazie al binomio tra un artista internazionale e uno scenario mozzafiato». Promozione territoriale «e un esperienza fantastica», come sottolineato da Elena Mosti, che ha ringraziato «quanti (pubblico e privato) hanno creduto in questa esperienza». Ma anche «un divertimento generale – ha ammesso Quinto Ciuffi della cava Gualtiero Corsi – che raggiungerà il suo apice con la festa per l’inaugurazione dell’opera, prevista a breve». Che l’arte come in questo caso «possa rappresentare un mezzo di marketing territoriale», ne è convinta Marta Venturi dell’associazione culturale Sibilla Eritrea, mentre Itala Tenerani, presidente del Consorzio Riviera Toscana Marina di Massa, oltre ad aver apprezzato l’aspetto artistico, non ha nascosto il suo entusiasmo nel descrivere «un ambiente eccezionale, quale le cave di marmo». Spesso infatti «ci dimentichiamo quali siano le bellezze del nostro territorio – ha sottolineato Sabrina Giannetti di Federalberghi Costa apuana – tanto che devono essere gli altri a ricordarcelo». Infine, come spiegato da Laura Natali di Villa Undulna «tutto questo è stato possibile grazie a una bella sinergia tra tutte le parti in causa».
Stefano Guidoni


GLI ORGANIZZATORI. L’EVENTO È ORGANIZZATO DA IMM E CARRARAFIERE IN PARTNERSHIP CON IL COMUNE, «MARBLE WEEKS» E IL CONTRIBUTO DI REGIONE TOSCANA E TOSCANA PROMOZIONE TURISTICA
Opere d’arte di grandi dimensioni in un percorso suggestivo
«WHITE Carrara downtown» trasforma corso Rosselli nella via della scultura. Grazie ai nostri pregiati laboratori, la manifestazione di Internazionale marmi macchine e Carrarafiere, organizzata in partnership con Comune e «Marble Weeks», riporta sculture e arredo urbano in corso Rosselli e piazza Alberica. Da sabato 10 giugno, con l’avvio di «White Carrara downtown», tornano in città, per la gioia degli appassionati d’arte, e perché tutti, i visitatori e cittadini, possano ammirare la bellezza dei nostri marmi, le opere d’arte anche di grandi dimensioni, dei pregiati laboratori di scultura della città e dintorni. In corso Rosselli, ribattezzato per l’occasione «La via della scultura» saranno posizionate le opere di maggiori dimensioni, grazie al prezioso contributo dei laboratori Paolo Costa, Felici Dino, Monfroni Michele, Carusi Roberto e Cooperativa scultori Carrara. L’evento, inoltre è organizzato con il contributo di Regione Toscana e Toscana promozione turistica. Con la collaborazione di: Accademia di belle arti, associazione culturale La Formica, associazione Ristorando, ‘Il Tau’ tour operator.
CI SARÀ anche un’opera dello scultore Nardo Dunchi, il famoso scultore ex partigiano carrarino scomparso nel 2010, messa a disposizione dallo studio Ama di Andrei Carlo. Anche piazza Alberica sarà più bella che mai grazie all’inserimento di preziose opere di arredo urbano, nello specifico panchine e una vasca in marmo, disegnate da Moreno Ratti e Paolo Ulian per Up Group. Sul fronte delle aziende partecipa la ditta Graziani marmi, con un’opera realizzata proprio per questa occasione dallo scultore Michele Monfroni. Ma, come puntualizzano dalla Imm, non finisce qui: sono ancora molti i laboratori artistici con cui si stanno definendo opere e collocazioni per vestire a festa la città e celebrare alla grande il marmo che l’ha resa famosa in tutto il mondo.
CERTA invece, e ben definita in termini di opere e posizionamento la mostra «La luce del marmo» allestita in occasione del recente Fuori salone di Milano, che verrà riproposta anche in città, con la collocazione in piazza d’Armi dell’imponente «BlockTheRock», il grande blocco di marmo bianco illuminato dall’interno realizzato da Mt stone su progettazione Stoheng, e le opere delle 8 aziende protagoniste della mostra disposte all’interno del cortile della biblioteca comunale. Si tratta di vari manufatti in marmo realizzati da famosi designer internazionali per: Campolonghi, Errebi Marmi, Fibra, Franchi Umberto Marmi, Garfagnana innovazione, Gmc graniti marmi colorati (in partnership con Jing living furniture design), marmi Carrara e Sagevan Marmi. Completa l’esposizione il lungo bancone reception in marmo di Ds trading, e la suggestiva illuminazione curata da Targetti Sankey.

ULTIMI due giorni, oggi e domani, per visitare, a Palazzo Ducale di Massa, la mostra collettiva d’arte contemporanea «Urpflanze-La natura dell’idea». Un evento che presenta 19 opere tra installazioni, dipinti, sculture e fotografie di altrettanti artisti, tra cui Emilio Isgrò, Nanni Balestrini, Yoko Ono, Alberto Garutti, Piero Gilardi e Hidetoshi Nagasawa. L’orario d’ingresso, gratuito, è dalle 16.30 alle 19.30.

Pagina 1 di 288

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree