patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

Piani attuativi Scende in campo l’università Marmo, sinergia con il Comune

13 Luglio 2018 K2_ITEM_AUTHOR  La Nazione Ms Carrara


Alessandro Trivelli
Il supporto scientifico che arriverà dallo studio Irta sarà alla base della riflessione politica


NELL’AMBITO della redazione dei che Piani attuativi dei bacini estrattivi (Pabe), il Comune ha sottoscritto un accordo di collaborazione scientifica con l’Istituto di ricerca sul territorio e l’ambiente-Leonardo (Irta-Leonardo) finalizzato alla stesura congiunta di un progetto per l’individuazione dei quantitativi sostenibili di materiale escavabile nell’ottica della filiera corta. La legge prevede infatti che tra i vari obiettivi i Pabe individuino le quantità di escavato sostenibili sotto il profilo paesaggistico con l’obiettivo di salvaguardare le Alpi Apuane in quanto ambiente naturale e antropico unico e non riproducibile e al tempo stesso garantire il giusto sostegno economico alla popolazione locale attraverso lavorazioni di qualità in filiera corta. Nell’ambito del progetto, martedì 10 luglio è stato avviato il percorso partecipato previsto dall’accordo, con una riunione di presentazione e primo ascolto. All’appuntamento hanno preso parte, in momenti successivi, i rappresentanti di associazioni di categoria, sindacati, cooperative, enti di controllo e associazioni ambientaliste. Per l’amministrazione erano presenti l’assessore al Marmo Alessandro Trivelli e l’assessore all’ambiente Sarah Scaletti. «E’ il primo passo di un percorso partecipato molto importante. I Pabe sono i ‘piani urbanistici’ nati dal Piano di indirizzo territoriale (Pit): interessano i settori Marmo, Urbanistica e Ambiente e rappresentano un tipo di pianificazione senza precedenti. I Pabe dunque sono un’occasione irripetibile e decisiva per il destino delle Apuane e del loro paesaggio, e avranno ricadute strategiche sulle condizioni di vita delle popolazioni residenti» ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Maurizio Bruschi. «La redazione dei Pabe è una tappa fondamentale nella regolamentazione dell’escavazione. Abbiamo deciso di avvalerci di un supporto scientifico per la definizione delle quantità sostenibili di escavato perché riteniamo che tale parametro debba discendere da uno studio analitico e oggettivo, in modo da tutelare al tempo stesso ambiente, occupazione e ricadute socio-economiche» ha dichiarato l’assessore all’Ambiente Sarah Scaletti. «Il supporto scientifico che arriverà dallo studio di Irta, sarà alla base della riflessione politica che avvierà l’amministrazione per la successiva definizione di uno dei contenuti essenziali dei Pabe» ha aggiunto l’assessore al Marmo Alessandro Trivelli. Quello di martedì è stato il primo di una serie di incontri finalizzati alla stesura dello studio: «Sarà un percorso partecipato con tutti i soggetti interessati, vogliamo infatti che tutti gli attori contribuiscano con il loro apporto e il loro punto di vista per una massima condivisione sia del percorso che dei risultati» hanno concluso gli esponenti dell’amministrazione.

 

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree